La DIETA DETOX per l’allergia al nichel.

Come hai fatto agli inizi della dieta, dopo aver scoperto di essere allergica al nichel? Hai mangiato da subito tutti gli alimenti presenti nella LISTA degli alimenti concessi e vietati?

La risposta a questa domanda, che mi ponete sempre è NO. Agli inizi e, sotto stretto controllo del medico allergologo, ho seguito la DIETA DETOX o dieta disintossicante.
Una dieta molto povera, con quelli che sono gli alimenti più sicuri e a minore contenuto di nichel.
Perché non esistono alimenti completamente privi di nichel ma, solo alimenti a medio, basso e elevato contenuto di nichel.
Per quanto tempo devo seguire la dieta disintossicante? Questa domanda non può e non deve avere una risposta uguale per tutti, perché molto dipende dal grado personale di allergia e dalla gravità dei sintomi.
Sarà il vostro corpo e il vostro medico a guidarvi in questa prima fase molto delicata.

Nel tuo caso? Per quanto tempo hai seguito questa dieta detox vista la tua grave allergia?
Io personalmente per 3 mesi ma, la mia è solo un esperienza. Potrebbero volerci 7 giorni come 4 mesi, dipende tutto dalla singola persona.
Se siete interessati comunque vi lascio QUI il video dove racconto la mia storia e il mio percorso.QUI invece trovate l’articolo in cui spiego quali sono i sintomi più comuni e come convivere con l’allergia al nichel e la SNAS.Per le persone allergiche al nichel e affette da SNAS (allergia sistemica al nichel), la dieta da seguire è sempre la stessa per tutta la vita e la trovate QUI.

Non spaventatevi perché questo blog è nato proprio per aiutarvi e, per dimostrare a tutti che si può mangiare bene, sano, con gusto e senza rinunce anche se si è affetti da questa allergia.“Fai delle tue debolezze la tua forza più grande” è il mio motto e  il modo di vivere, da sempre.

Vi scrivo di seguito la lista degli unici alimenti concessi nella primissima fase di disintossicazione, ricordandovi che dovrete necessariamente essere seguiti da un medico allergologo competente in questa fase delicata, per non rischiare di avere problemi.

ALIMENTI CONCESSI IN DISINTOSSICAZIONE
– Riso bianco;
– Zucchine;
– Cetrioli;
– Valeriana (o valerianella o songino);
– Barbabietola (solo fresca e non precotta);
– Farina 00;
– Farina di riso;
– Amido di riso;
– Zucchero;
– Miele;
– Sciroppo di riso;
– Uova;
– Orata;
– Branzino;
– Pollo;
– Tacchino;
– Coniglio;
– Tutte le carni bianche vanno bene;
– Agrumi (tutti vanno bene dal limone, all’arancia al lime);
– Zenzero;
– Mele;
– Latticini (concessi se non siete intolleranti al lattosio);
– Latte di riso (che contenga solo riso, olio di riso, sale);
– Sale;
– Olio di riso;
– Olio extra vergine d’oliva;
– Burro;
PASTA MADRE o LIEVITO MADRE fatto in casa;
– Cremore tartaro e bicarbonato;
– Acqua in bottiglia (preferite la Sant’Anna);
– Caffè (se non riuscite a farne a meno ma, fatto solo con macchinette in plastica tipo Nescafè dolce Gusto per citarne una).
FUMO di SIGARETTA e nichel non vanno d’accordo visto che le sigarette sono piene di NICHEL. Se non smettete di fumare continuerete a stare male, senza dubbio.
Le PENTOLE sono importantissime, qui di seguito vi elenco le uniche che potete utilizzare:
Tutte le pentole e gli oggetti da cucina che riportano la certificazione Nichel free ;
– Ceramica;
– Antiaderente;
– Teflon;
– Vetro;
– Vetro-ceramica;
– Silicone;
– Carta Forno;
– Pellicola;

– Acciaio 18/00 o 18/c;

NON UTILIZZATE MAI L’ACCIAIO 18/10.

Altra cosa fondamentale utilizzate solo prodotti per il make up, la cura della persona e della casa che riportino SOLO  e soltanto la dicitura NICHEL TESTED.
Indossate abiti preferibilmente chiari e di cotone.
Consigli per sentirsi meglio nel minor tempo possibile:
– Camminare all’aria aperta il più possibile;
– Evitare completamente il fumo, anche quello passivo;
– Scegliere prodotti alimentari sicuri e senza pesticidi;
– Cercare di restare calmi e rilassati (non siete soli).
Nella speranza di esservi stata utile e di aver chiarito alcuni dei vostri dubbi più comuni vi abbraccio e vi auguro una buona giornata.
Condividi su:
FacebookTwitterGoogle+PinterestFacebook MessengerWhatsAppTelegramEmailCopy Link

30 comments on “LA DIETA DETOX. ALLERGIA AL NICHEL.”

  1. ciao, ho scoperto da poco di essere allergica al nichel ++++e anche ad altro purtroppo. Mai lo avrei immaginato visto che le mie dermatiti storiche erano considerate da stress.
    Ho iniziato la dieta, cambiato pentole, posate e cosmetici e detersivi…nella speranza di arrivare a un miglioramento. Solo che ho un dubbio, da quando ho iniziato la dieta sono iniziati crampi allo stomaco e aria…sara’ la fame perchè il corpo deve abituarsi alla nuova dieta?sarà psicosomatico percè so essere uno dei sintomi (mai sofferto prima pero’)help…sono in modalità down e la strada è lunga.

  2. Ciao Ilaria,

    felice di averti trovata!da quando ti ho scoperta, circa un mese fa, ho cambiato la mia alimentazione perchè, nonostante sia seguita da una bravissima nutrizionista, la varietà dei miei pasti era veramente triste.
    E quindi grazieeeee.
    Io sono allergica al nichel+++, dopo anni di riniti persistenti e pesanti, prove allergiche in qualsiasi mese dell’anno con risultati solo per allergia alle graminacee (anche questa una novità x me), alla fine siamo giunti al verdetto.
    Si sono limitati a dire che avrei dovuto non mangiare solo alcuni alimenti come polenta, funghi, pasta integrale e poco altro e che non avrei dovuto indossare accessori contenenti nichel…Eh si che mi ero recata in un importante ospedale milanese…
    E le mie riniti continuavano imperterrite…sempre nel fine settimana…arrivava la giornata in cui mi scoppiava il tutto rendendomi incapace di stare in qualsiasi posto che non fosse sul divano, con occhi gonfi, naso gonfio e con continui starnuti…imbottita di antistaminico:(
    Per fortuna che dopo 8 lunghissime ore l’antistaminico faceva effetto.
    Detto questo, ora riesco a prenderlo al massimo una volta a settimana se non ogni tanto, e basta solo stando attenta all’alimentazione…dopo aver fatto mesi di detox naturalmente…ma questo per dire che, c’è una ignoranza in materia pazzesca…e soprattutto per ringraziare te Ilaria che mi rendi i pasti una bontà 🙂 non posso seguire tutti le tue ricette perchè ahimè, oltre al nichel sono sensibile al glutine ma soprattutto ho la sindrome del colon irritabile (NON MI FACCIO MANCARE NULLA :-D) Ridiamoci su che è meglio, grazie ancora..

  3. Grazie per tutto quello che fai 😍 Sinceramente se non avessi trovato i tuoi video e le tue spiegazioni, con le poche informazioni date dal medico, presto sarei comunque finita all’ ospedale per accumulo di nickel. E poi la tua simpatia e il tuo modo di invogliarci a provare tante varietà di menù rende tutto meno tragedioso… anzi, si scopre tutto un modo nuovo di vedere il cibo e sapere che quest alimentazione che può essere molto gustosa ci farà finalmente star bene è davvero una gioia

  4. Ciao a tutti, anch'io allergica al Nichel dal 2014…Un allergia tremenda, che mi provoca asma, reflusso, gastrite, incontinenza del cardias, digestione lentini, ansia, attacchi di panico, e mettiamoci dentro anche gli acufeni bilaterali 24hsu24, anche se non sono determinati dall'allergia ma lo stress che questa stessa provoca interferisce con tutto il sistema immunitario… Dieta tipo per sopravvivere: latte di riso o cocco con biscotti senza glutine, pranzo: riso o pasta di mais con pesce con spine O carne bianca e verdure cotte(zucchine, carote O finocchi) cena: 5/6 mele cotte… Spuntini vari: crecher senza glutine, grissini al mais… grazie a questa dieta Ho eliminato il gastroprotettore… Ma occhio agli sgarri, ne bastano poche bricciole e per 2/3 giorni la paghi…

    • Ciao, quello che scrivi riguardo alla dieta tipo, sono alimenti ricchi di nichel(mais, cocco, carote…poi ci sono biscotti e crackers senza glutine che se sono solo di riso vanno bene, altrimenti gli alimenti senza glutine contengono un’infinità di ingredienti ricchi di nichel…

      • Vero confermo tutto!! Anche per me mais è vietatissimo.. ho provato la polenta una domenica ,. Il giorno dopo gonfia come non so cosa 🙁 e male di stomaco .. anche io diagnosticata allergia al nikel +++ ..

  5. Grazie mille per questo blog!!! Io sono, attualmente, un po' frastornata e faccio, ancora, fatica ad accettarlo. Peró con tutte queste informazioni mi sto chiarendo le idee. Non ho capito neanche per quanto seguire questa dieta disintossicante, 1 mese o 2 mi ha detto l'allergologo, come se fosse la stessa cosa!?! Comunque il lievito é nella mia lista (intendo quella che mi hanno rilasciato) degli alimenti da evitare, ma non é specificato di che tipo, per cui ti chiederei il lievito madre dunque é ok? Ne sarei molto felice! Ed il thé? Ed il caffé d'orzo, no perché é un cereale? A me poi dei tegami non hanno specificato nulla…

  6. Grazie per aver condiviso la tua esperienza e grazie per le informazioni,tutto molo untile, in comune abbiamo sicuramente dottori che sottovalutano sintomi e conseguenze, invece molto importanti.
    Ad ogni modo sto usando la neolite attiva, sono solo al primo mese c'è ne vorranno almeno tre x disintossicarmi, che cosa ne pensi? Buona giornata

  7. Ciao io sono alla prima settimana di dieta disintossicante e mi hanno tolto tutto sono anche intollerante al lattosio …..una tragedia…sono andata dalla dietologa per perdere peso invece parlando dei miei disturbi alimentari mi ha consigliato di fare il pricktest ed esco allergica a tante cose ma soprattutto al nichel…sono frastornata e non riesco a seguire lo schema alimentare …un consiglio?grazie baci

  8. Ciao io sono alla prima settimana di dieta disintossicante e mi hanno tolto tutto sono anche intollerante al lattosio …..una tragedia…sono andata dalla dietologa per perdere peso invece parlando dei miei disturbi alimentari mi ha consigliato di fare il pricktest ed esco allergica a tante cose ma soprattutto al nichel…sono frastornata e non riesco a seguire lo schema alimentare …un consiglio?grazie baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *